Minori

L’ambito realizza molteplici interventi, spesso in modo integrato, al fine di promuovere i diritti e il benessere dei minori di età e prevenire il disagio giovanile e l’esclusione.

Servizi:


Strutture residenziali per minori a rischio
Strutture rivolte ai minori allontanati dai propri nuclei familiari a seguito di specifico provvedimento del Tribunale, si accede su specifica segnalazione.

Assistenza domiciliare integrata minori
L’assistenza domiciliare integrata si rivolge a minori – residenti nei Comuni dell’Ambito – parzialmente autosufficienti e non autosufficienti. Consiste nella realizzazione di attività svolte presso il domicilio e in azioni di sostegno del nucleo familiare nelle responsabilità di cura e assistenza al fine di lasciare il minore nel proprio ambiente di vita.

Assistenza domiciliare educativa (ADE)
Il servizio ADE prevede attività di sostegno scolastico, socio-educative e ludico-ricreative di tipo extrascolastico, rivolte a minori in età scolare o a rischio di emarginazione e devianza sociale. I minori nel periodo scolastico sono supportati nel proprio domicilio dalle educatrici al fine rispondere agli obiettivi predisposti dal PEI, concordato tra la Cooperativa gestore del Servizio e l’Assistente Sociale del Servizio Sociale Professionale che ha in carico il minore; nel periodo estivo invece i minori sono inseriti in gruppi di socializzazione al fine di migliorare le capacità di interazioni con i pari e con gli adulti. L’intervento è attivo in tutti i sei Comuni.

Centro diurno socioeducativo per minori
Il servizio è finalizzato a sostenere la partecipazione dei minori del territorio con problemi di socializzazione o a rischio devianza mediante la realizzazione di interventi di socializzazione ed educativo-ricreativi. Promuove il benessere della comunità e contrasta i fenomeni di marginalità e disagio; opera in raccordo con i servizi sociali dell’Ambito, le comunità educative e di pronta accoglienza. Tra le attività realizzate vi sono quelle sportive, culturali, ricreative, di supporto alla scuola e di sostegno alle famiglie, informative, sociosanitarie e di trasporto sociale.

Assistenza scolastica specialistica
L’Assistenza scolastica specialistica è mirata a supportare i diversamente abili nelle attività scolastiche, a rimuovere gli ostacoli di natura psichica, fisica e ambientale che impediscono la piena fruizione del diritto allo studio, a supportare le attività degli insegnanti di sostegno e a migliorare la risposta della scuola al bisogno delle famiglie con figli disabili.Tra gli interventi previsti per tale servizio figurano la definizione del Percorso Educativo Individualizzato, la messa in atto di azioni per rafforzare l’acquisizione di competenze e autonomia personale, il trasporto, l’abbattimento delle barriere architettoniche, la dotazione di sussidi e ausili didattici.

Centro diurno socioeducativo e riabilitativo
Il servizio: Il servizio mira a sostenere il mantenimento e il recupero dell’autonomia personale da parte dei minori disabili, a sperimentare percorsi mirati e a sostenere le famiglie dei disabili. Per il perseguimento di tali obiettivi vengono realizzate diverse attività, tra cui quelle educative e a sostegno dell’autonomia psico-motoria, di animazione e socializzazione, di integrazione dei servizi e delle risorse in rete, culturali e ludico-ricreative, psico-motorie, socio-sanitarie e riabilitative, di assistenza nell’espletamento delle attività e delle funzioni quotidiane, di trasporto sociale.

Asilo nido: integrazione rette
L’asilo nido o nido di infanzia è una struttura autorizzata per l’erogazione del servizio educativo e sociale per i bambini di età compresa tra i 3 e i 36 mesi (art. 53 Reg. Reg. 4/2007).L’ambito sociale di zona sostiene i costi a carico delle famiglie per i nidi mediante l’integrazione delle rette mensili. In tal modo contribuisce a perseguire gli obiettivi di sostenere le famiglie, con particolare attenzione a quelle monoparentali, nella cura dei figli e nelle scelte educative, stimolare e sviluppare l socializzazione dei bambini a tutela del loro benessere generale, favorire l’inclusione lavorative delle madri.

Affido familiare minori
L’affido familiare mira a promuovere la cultura dell’affidamento del minore, ovvero ad assicurargli, se temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, il mantenimento, l’istruzione, l’educazione, la socializzazione, il sostegno educativo e formativo ed adeguate figure adulte di riferimento, affidandolo ad un’altra famiglia. L’affido sostiene inoltre le relazioni con la famiglia di origine e promuove ogni iniziativa che possa favorire il suo rientro nel nucleo, sostiene la famiglia affidataria al livello economico, psicosociale e pedagogico.La promozione della cultura dell’affidamento famigliare e la realizzazione di tutte le attività affinché lo stesso sia supportato con tutte le competenze necessarie è curata da un’equipe multidisciplinare integrata di ambito.

Interventi indifferibili per minori fuori famiglia
Tali interventi sono relativi al contributo conferito dall’Ambito e dalla Regione Puglia per sostenere il pagamento delle rette delle strutture residenziali a seguito di provvedimento del Tribunale per i minorenni.

Buoni servizio di conciliazione
L’Ambito Territoriale Asl Ba 5, comune capofila Grumo Appula, ha sottoscritto presso l’Assessorato al Welfare della Regione Puglia il disciplinare di accordo per l’erogazione dei Buoni servizio di conciliazione finalizzati all’uso di strutture e servizi per l’infanzia e l’adolescenza iscritti al catalogo telematico dell’offerta sociale. All’Ambito di Grumo Appula sono stati assegnati 320.000 euro, che vanno ad aggiungersi alla dotazione finanziaria già prevista per sostenere le attività previste dal Piano sociale di zona. Tale intervento rientra tra le azioni previste dal PO FESR 207-2013 che sostiene lo sviluppo di un Programma per l’accesso e la fruizione di servizi di conciliazione rivolto alle persone e alle famiglie. Principale obiettivo di tale intervento è quello di sostenere il lavoro di cura delle famiglie, migliorare l’accesso all’occupazione, con particolare attenzione alla partecipazione femminile al mercato del lavoro. Per accedere alle agevolazioni occorre essere in possesso di alcuni requisiti, tra cui un ISEE non superiore a 40mila €; ove ricorrano tali parametri, i nuclei familiari possono presentare istanza di accesso al servizio di conciliazione scegliendolo tra quelli iscritti al Catalogo. L’istanza deve essere presentata esclusivamente on-line accedendo all’indirizzo http://bandi.pugliasociale.regione.puglia.it

Allegato ADE (Assistenza Domiciliare Educativa)

Asilo Nido

Centro diurno socio educativo per minori